Il posto più bello del mondo

«Papi, a cosa pensi?» La voce lo aveva colto di sorpresa. Con gli occhi stava ripercorrendo il profilo del bancone, che non era più quello in legno rozzo che ricordava. Adesso, invece di quello che una volta era il posto delle spine per la birra, c’era un elegante ripiano in legno, poggiato su due gambeContinua a leggere “Il posto più bello del mondo”

I muratori di Brunori

Dario Brunori, che è uno che qualcosa di sinistra da dire ce l’ha eccome, in un suo brano annota come “ci siamo troppo imborghesiti, abbiamo perso il desiderio di sporcarci un po’ i vestiti” e ancora “se canti il popolo sarai sempre un cantautore, sarai sempre un cantastorie, ma ogni volta ai tuoi concerti nonContinua a leggere “I muratori di Brunori”

Se le mafie sono già alla fase 5…

“Di quelli che ho fatto condannare direttamente io, ne hanno scarcerati almeno due, sicuri, per quello che so. Ma considerando che grazie anche alle mie testimonianze, in tutto sono state condannate 81 persone, non escludo che ce ne siano anche altri.” Luigi Leonardi è un testimone di giustizia. Da dieci anni ormai contribuisce con leContinua a leggere “Se le mafie sono già alla fase 5…”

Ce lo chiede l’ISS…

Stava accadendo. L’ultima conferenza stampa di due giorni fa del premier Conte, stava duramente minando la fiducia nel primo ministro e nel Governo in generale, dopo due mesi in cui qualunque cosa avesse detto, gli italiani in larga parte avrebbero annuito: “giusto, ha ragione, è vero.” Tutti buoni a casa, anche giustamente, ma con unContinua a leggere “Ce lo chiede l’ISS…”

Libera nos a malo…

È vero, il 25 aprile è la più divisiva delle celebrazioni italiane. Da una parte c’è l’errore storico della destra di aver lasciato una festa di liberazione ad esclusivo appannaggio della sinistra. Non credo che ci possa essere nessun sano di mente con ideali di destra o sinistra che siano, che possa rimpiangere le atrocitàContinua a leggere “Libera nos a malo…”

Il vecchio e il mare…

Oggi sono stato al mare. No, nessuna disubbidienza civile, nessun atto reazionario alla quarantena. Ci sono andato per lavoro, un collegamento con uno stabilimento balneare, per parlare di questa solenne cazzata dei gabbiotti in plexiglas, da usare in spiaggia per mantenere distanze di sicurezza contro il Covid, questa estate. Però già che c’ero, ho passatoContinua a leggere “Il vecchio e il mare…”

Ha ragione Mentana.

Lo dico subito, sin dal titolo e per essere chiaro, senza ipocrisia: ha ragione Mentana. Riassunto delle puntate precedenti. La sera del 10 aprile, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte parla agli italiani, come diverse volte ha già fatto durante questo periodo di lockdown. Lo fa in diretta tv, sui sette o otto canali collegati,Continua a leggere “Ha ragione Mentana.”

Ma se io avessi previsto tutto questo…

«In tanti oggi sostengono che quando tutto questo sarà finito saremo migliori. Lei ci crede? “No, non ci credo. Anche dopo l’11 settembre si diceva che sarebbe cambiato tutto ma non è cambiato nulla”. E’ la storia che non insegna o gli uomini che non imparano? “Tutte e due le cose”. E quindi non impareremoContinua a leggere “Ma se io avessi previsto tutto questo…”

Roma nuda.

Roma, anno di grazia 2020. Grazie al mio lavoro e per colpa del lockdown causato dal Covid, ho avuto la possibilità di vedere ciò che pochi hanno potuto vedere: Roma nuda. Spogliata dalla gente, dai turisti, dal traffico. Dai rumori. Silenziosa, vuota, eppure sempre così piena. La piazza del Pantheon mi è sembrata più grandeContinua a leggere “Roma nuda.”

Chiuse come le chiese, quando ti vuoi confessare…

Le chiese sono chiuse. Da subito, da quando il Governo ha virato sul lockdown. Anzi, curiosamente, ancora prima delle misure restrittive, in qualche città gli edifici di culto cattolico erano stati già chiusi. E ancora più curiosamente, una delle prime città a serrare le porte, è stata Roma, che col Vaticano ospita la capitale delContinua a leggere “Chiuse come le chiese, quando ti vuoi confessare…”