Un pezzo di storia.

Oggi abbiamo visto passare la storia davanti ai nostri occhi. Oggi abbiamo realizzato di aver visto più cose in questo mese di marzo, che mai. L’immagine del Papa che, da solo, attraversa sotto la pioggia una piazza San Pietro deserta è la plastica rappresentazione del momento che ogni credente si trova ad affrontare in questo momento. Non a caso, il Santo Padre, ci ha definiti smarriti e impauriti. Nel deserto delle paure e delle preoccupazioni, a cui questa brutta pagina della storia dell’umanità ci sta costringendo. Ai piedi del Cristo di San Marcello al Corso, che fu miracoloso contro la Grande Peste del 1522. Quello che è accaduto è un evento, Cristiano, più unico che raro. Non è facile da cogliere per chi non crede. Ed io non sono certo cintura nera di cattolicesimo. Usando un paragone profano, è come se il primo ministro, questa sera, annunciasse che ogni sospeso con lo Stato, di qualunque natura, da questo momento è cancellato. I sospesi con Dio, sono i peccati, che attraverso una universale e contemporanea confessione, che pesano. Papa Francesco ha fatto posto nel cuore di ognuno, togliendo quei sospesi, i peccati, che da questo momento sono perdonati e cancellati, per lasciare spazio al conforto e alla speranza che solo qualcosa di Altro e Alto, in questo momento, possono dare. È stato come se questa sera, per un’ora, ognuno di noi sedesse a fianco al Pontefice, che si è fatto carico di ogni angoscia, paura, preoccupazione. “Nessuno si salva da solo”, ha detto il Papa. Dalla malattia del corpo e da quella dello spirito. In un momento di universale raccoglimento, in un istante nella storia del mondo, il Papa ha pregato per noi e con noi, nelle nostre case, sui nostri divani, perché curassimo ogni male che oggi ci attraversa. Dentro e fuori dal nostro corpo. Perché per essere salvati, oggi nella pandemia e domani nella vita eterna, bisogna affidarsi. Quello che questa sera ha fatto il Papa, è stato infondere la Speranza di un Dio che non abbandona, mai. Ci ha affidato tutti a Dio. Sta al cuore di ognuno di noi, farlo con l’abbandono che più ci sia proprio.
Ma farlo, per chi ha la fortuna di credere, con Fede e Conforto.
#papafrancesco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: